one pot pasta con cipolle caramellate funghi e speck

by Elena Levati

VAI SUBITO ALLA RICETTA / SKIP TO ENGLISH VERSION

La one pot pasta: uno degli argomenti culinari più difficili da “accettare” per un italiano! Tanto più se viene fuori che questo metodo di preparazione della pastasciutta è decisamente buono!

Io, lo ammetto, la prima volta che ne ho sentito parlare ho pensato fosse una pazzia made in USA: l’idea di una pasta che si prepara in una sola pentola insieme al condimento mi sembrava veramente assurda!

Sicuramente verrà scotta, pensavo e invece… E invece, da italianissima, vi assicuro che è una meraviglia!

Questa tipologia di cottura della pasta, per cui si mettono tutti gli ingredienti a crudo nella casseruola e si cuoce tutto insieme, non deve sorprenderci così tanto perchè, di fatto, non è così distante dal concetto del riso pilaf. Solo che in questo caso si tratta di pasta.

In verità il risultato è una pasta al dente, perfettamente amalgamata, cremosa e soprattutto super saporita perchè nulla si disperde nell’acqua!!

Inoltre non è da meno il lato del risparmio energetico e questo rende la ricetta ancora più interessante perchè non solo si dimezzano i tempi di preparazione, ma si sporca una sola padella!

Insomma: una furbata pronta in 15 minuti!

Essendo in autunno io ho deciso di provarla con un condimento di stagione: funghi porcini, speck e cipolle caramellate.

Una delizia, credetemi!!

ONE POT PASTA CON CIPOLLE CARAMELLATE, FUNGHI E SPECK


Una pasta deliziosa e super facile che si prepara con una sola pentola e in soli 15 minuti! Ne rimarrete piacevolmente stupiti: fidatevi!


Livello: facilissimo Tempo: 5 minuti + 15 minuti cottura Dosi: 1 persona

Ingredienti:

  • 1 cipolla,
  • 20 g burro,
  • 10 g zucchero di canna,
  • 10 g aceto di mele,
  • 85 g pasta corta a piacere,
  • 10 g funghi secchi,
  • 240 ml acqua,
  • 6 g sale fino,
  • pepe nero,
  • 1 cucchiaio abbondante di parmigiano reggiano grattugiato,
  • 20 g speck in una sola fetta.

Procedimento:

  1. Pulite la cipolla, pesatene 80 g e affettatela sottilmente.
  2. Mettetela quindi in una casseruola dal fondo spesso (o antiaderente) e aggiungete il burro, lo zucchero di canna, l’aceto, la pasta e i funghi secchi.
  3. Coprite il tutto con l’acqua, aggiungete il sale e un pizzico di pepe.
  4. Non preoccupatevi se l’acqua non copre completamente la pasta: appena le cipolle inizieranno a cuocere rilasceranno acqua e, in pochissimi minuti, tutti gli ingredienti saranno avvolti perfettamente.
  5. Mettete il coperchio, portate sul fuoco a fiamma alta e attendete il bollore.
  6. Abbassate la fiamma, togliete il coperchio e fate cuocere per il tempo di cottura della pasta (in questi minuti di cottura mescolate spesso il contenuto della pentola).
  7. Tagliate nel frattempo lo speck a listarelle.
  8. Controllate che la pasta sia cotta al punto giusto: non deve essere asciutta, deve essere rimasta morbida, con un pochino di liquido sul fondo.
  9. Spegnete la fiamma, aggiungete il parmigiano e mescolate tutto molto bene per amalgamare: in questo momento quel liquido rimasto sul fondo, unito al parmigiano grattugiato, creerà un condimento avvolgente e cremoso.
  10. Aggiungete infine lo speck e servite.

Note:

  • Potete cambiare il condimento a seconda dei vostri gusti e delle stagioni: provate semplicemente pomodorini e basilico, aggiungendo a fine cottura pinoli e pecorino romano, oppure zucca e gamberi o ancora melanzane, zucchine e zafferano o radicchio ricotta salata e noci!
  • Tenete sempre presente che per dosare l’acqua dovete applicare la proporzione 1:3 quindi per 100 gr di pasta serviranno 300 g di acqua.
  • Tenete presente anche che le verdure sono già di per sè ricche di acqua che andranno a rilasciare durante la cottura: quindi regolatevi di conseguenza, eventualmente tenendo da parte un po’ di acqua che andrete ad aggiungere verso fine cottura se lo ritenete necessario per raggiungere la cremosità desiderata.

-Post in collaborazione con Accendi Luce & Gas Coop

ONE POT PASTA WITH CARAMELED ONIONS, MUSHROOMS AND SPECK


Level: very easy Time: 5 minutes + 15 minutes cooking Serves: 1 person


Ingredients:

  • 1 onion,
  • 20 g butter,
  • 10 g brown sugar,
  • 10 g apple vinegar,
  • 85 g short pasta,
  • 10 g dried mushrooms,
  • 240 ml of water,
  • 6 g salt up,
  • black pepper,
  • 1 tablespoon of grated Parmigiano Reggiano,
  • 20 g speck in one slice.

Method:

  1. Clean the onion, weigh 80 g and slice it thinly.
  2. Put it in a non-stick saucepan and add the butter, brown sugar, vinegar, pasta and dried mushrooms.
  3. Cover everything with water, add salt and a pinch of pepper.
  4. Do not worry if the water does not completely cover the pasta: as soon as the onions start to cook they will release water and, in few minutes, all the ingredients will be perfectly covered.
  5. Put the lid on, bring over high heat and wait for the boil.
  6. Lower the flame, remove the lid and cook for the pasta cooking time(in these minutes of cooking, stir often the ingredients of the pot).
  7. In the meantime cut the speck into strips .
  8. Check the cooking: your pasta should not be dry, it must be soft, with some liquid on the bottom of the pan.
  9. Turn off the heat, add parmesan cheese and mix everything very well to mix: now you’ll see that the liquid on the bottom of the pan, combined with grated parmesan cheese, will create a creamy dressing.
  10. Add the speck and serve.

Notes:

  • You can change the seasoning according to your tastes and seasons: simply try cherry tomatoes and basil, adding pine nuts and pecorino cheese, or pumpkin and prawns or even aubergines, zucchini and saffron or ricotta salted radicchio and walnuts!
  • Keep in mind that to dose the water you have to apply the proportion 1: 3 then for 100 g of pasta you will need 300 g of water.
  • Keep in mind that the vegetables are already rich in water so you can use less water and add it in the end if you consider it’s necessary to reach the desired creaminess.

19 comments

Elena Gnani 6 Novembre 2018 - 10:23

Mi sembra simile a quella che io chiamo pasta risottata. Sinceramente io la faccio spesso così, mi piace perchè rimane più cremosa. Mi piace questo condimento super saporito, molto autunnale

Reply
Elena Levati 8 Novembre 2018 - 07:50

Si è simile, però diversa perché mentre nella risottata l’acqua va messa poco a poco, qui la metti tutta in una volta sola all’inizio e fredda 😉

Reply
pensieriepasticci 6 Novembre 2018 - 11:01

io la pasta (che chiamo risottata) la cucino decisamente pochissimo, ma debbo assolutamente recuperare!!!
proverò la tua versione 😉
Baciotto grande

Reply
Elena Levati 8 Novembre 2018 - 07:48

Non è risottata questa però perché l’acqua va messa fredda e tutta insieme e io per questo avevo millemila dubbi.. e invece… 💙

Reply
cucinaincontroluce 6 Novembre 2018 - 12:40

La provai anch’io qualche anno fa ed era strepitosa, tant’è che voglio provare la tua versione (la mia era semplicissima con pomodorini e basilico), mi sa che è una favola 🙂
Un bacio!

Reply
Elena Levati 6 Novembre 2018 - 13:08

Me la ricordo bene sai? Mi aveva calpito e da allora ce l’avevo in programma! Un po’ tardi ma sono arrivata 😂

Reply
cucinaincontroluce 6 Novembre 2018 - 14:31

Ah ma allora ci ispiriamo a vicenda 😊

Reply
zia Consu 6 Novembre 2018 - 20:49

Chiamiamola “pasta risottata” e mettiamo tutti d’accordo! Con il poco tempo che ho a disposizione spesso per il pranzo, questa è una tecnica che mi salva la vita!

Reply
Elena Levati 9 Novembre 2018 - 11:23

tesorino non è risottata in realtà perchè qui l’acqua va messa fredda a inzio cottura tutta in una volta e non poco a poco come il brodo per il risotto. E’ per qst che avevo tanti dubbi e invece!!! provala per me è una idea salva Ludi! 😀

Reply
Melania 6 Novembre 2018 - 23:11

Secondo questa è una di quelle ricette che di pranzi e cene ne salva parecchie. Non l’ho mai provata, ma io, resto sempre indietro con queste novità. Diciamo che ho i miei tempi ecco. Però, mi hai incuriosita perciò mi documenterò un po’ per saperne di più su questa tecnica. Un abbraccio e buon inizio di settimana

Reply
Elena Levati 9 Novembre 2018 - 11:21

😀 anche io ho i miei tempi! Guarda almeno saranno 2 anni che ce l’ho nel cassetto vedi tu! però se sei curiosa, davvero ti consiglio di provare perchè ne vale la pena e lo sforzo è minimo! E’ una formula win to win 😀

Reply
Tiziana Bartolini 7 Novembre 2018 - 15:55

sono sincera, prima di leggere il tuo post avrei bollato la ‘one pot pasta’ come un’eresia da non ripetere… ma di te mi fido e quindi sì, mi hai convinta a provarla. anche perchè il contenuto di quella scodellina sembra molto, molto appetitoso!
un abbraccio cara, buona giornata 🙂

Reply
Elena Levati 9 Novembre 2018 - 11:20

anche io, ma ho voluto superare il blocco emotivo e provare a modo mio e davvero ne sono soddisfatta! Tizi devi provare anche tu, sono certa che ne farai meraviglie! <3

Reply
milesweetdiary 8 Novembre 2018 - 07:32

Ma dai?! Questo metodo è curioso. Mi piace molto l’idea che così cucinando la pasta questa prenda i profumi dei condimenti. Buona giornata Elena! 😙

Reply
Elena Levati 9 Novembre 2018 - 11:19

si mile è davvero particolare, facilissimo e delizioso! devi provare! Smack!

Reply
sabrina77sab77 8 Novembre 2018 - 09:54

Un primo piatto strepitoso!!!!
Difficile resistergli!
Un abbraccio grande

Reply
Elena Levati 9 Novembre 2018 - 11:18

<3 grazie tesoro!

Reply
one pot pasta estiva 19 Giugno 2019 - 11:31

[…] scorso autunno ve ne avevo proposta una versione gustosa e ricca a base di funghi, cipolle caramellate e speck, oggi invece, vi voglio presentare la sua variante […]

Reply
one pot pasta alla zucca delica 20 Marzo 2021 - 08:00

[…] vi scrivevo (in questo post) la prima volta che mi sono avvicinata alla one pot pasta, ovvero alla pasta che si prepara […]

Reply

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Penso che per te sia OK! Se vuoi sapere come trattio i tuoi dati e la mia politica sui cookies vai al tasto "leggi di più..." Accetto Leggi di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: