Pane Naan

by Elena Levati

Ritorno oggi, dopo un mese e mezzo di pausa con un sorriso, un sorriso di gioia.

Rileggo l’ultimo post che vi ho scritto e sorrido: sorrido perchè quel post era carico del desiderio di conoscere la mia piccola Olivia che con cuore trepidante aspettavo, portandola nel pancione.

Ed è stato proprio quella notte, quella stessa notte, che lei decise a sua volta di volermi conoscere. Come se avesse letto quelle mie parole, come se attraverso il battito del mio cuore, lei avesse sentito ciò che esso conteneva e avesse pensato che fosse il momento giusto per far felice la sua mamma.

E così lei è arrivata, piccola nuova deliziosa abitante della nostra famiglia.

E io sono stata solo per lei, per il suo papà e per la sua sorellona: me li sono goduta a fondo, ho respirato amore a pieni polmoni e oggi torno rigenerata.

Torno da voi con una ricetta rubata ad un’altra cultura, ad un paese lontano carico di fascino: oggi vi porto in India con il PANE NAAN.

Quando in una cultura non si utilizzano le posate per mangiare, ma le mani, avere un “aiuto commestibile” per portare il cibo alla bocca diventa un must!

Uno di questi è senza dubbio il naan bread: un lievitato preparato con farina, yogurt e acqua, che si fa cuocere in padella o su una piastra (tradizionalmente si usa una padella di argilla chiamata forno tandoori) e che risulta piatto e morbido come una focaccina!

Questo pane, noi che invece le posate le usiamo eccome per mangiare, lo possiamo comunque gustare come accompagnamento per secondi piatti a base di carne o pesce, in particolare se preparati con condimenti che richiamano la “scarpetta” come gli umidi, ma lo possiamo anche utilizzare come elemento base di un aperitivo, per accompagnare formaggi, salumi, olive, salse e creme spalmabili più o meno ricche come ad esempio gli hummus, curry di verdure, ecc.

Io penso che, per la sue caratteristiche, il naan bread sia un perfetto compagno di schiscetta per sostituire il classico pane o la focaccia: una ottima idea a basso impatto energetico per rendere speciale le prime pause pranzo da rientro post vacanze!

Tradizionalmente il pane naan si prepara con un impasto “neutro” in modo da lasciare spazio ampio al sapore intenso e di per sè già molto speziato delle pietanze indiane con cui si andrà a gustare.

Io oggi, pensandolo proprio come guest star di una schiscetta, ho voluto proporlo in una versione speziata e “colorata”, in cui l’impasto si arricchisce delle note aromatiche della curcuma, dello zafferano, della noce moscata e del pepe nero, in modo possa essere un perfetto accompagnamento per un semplice affettato o un formaggio tenero.

PANE NAAN


Un pane speciale proveniente dalla cultura indiana, morbido come una focaccina e cotto in padella!


Livello: facile Tempo: 10 minuti + lievitazione (minimo 5 ore, massimo 48 ore) + 5 minuti cottura Dosi: 4 panini

Ingredienti:

  • 250 g farina (per una lievitazione breve – 5 ore- usare una farina debole tipo 0; per una lievitazione lunga -24 o 48 ore- usare 2/3 di farina 0 e 1/3 di farina manitoba),
  • 125 g yogurt bianco intero senza zucchero a temperatura ambiente,
  • 50 ml acqua tiepida,
  • 1/2 bustina zafferano,
  • ½ cucchiaino curcuma,
  • noce moscata,
  • pepe nero,
  • 1 g lievito di birra secco o 2 g di lievito di birra fresco)
  • 1 cucchiaio olio evo,
  • 1 cucchiaino sale fino.

Procedimento:

  1. Versate la farina, lo yogurt, l’acqua, le spezie e il lievito nell’impastatrice e iniziate ad impastare.
  2. Aggiungete il sale e l’olio e continuate ad impastare per circa 10 minuti.
  3. Ribaltate l’impasto sul piano da lavoro infarinato e fate le pieghe a portafoglio: appiattite un poco l’impasto andando a formare un rettangolo, quindi portate il lembo sinistro di impasto al centro e ripiegatevi sopra il lembo destro.
  4. Ruotate di mezzo giro l’impasto verso destra, appiattitelo di nuovo e ripetete le pieghe.
  5. Ruotatelo di nuovo e ripetete le pieghe un’ultima volta, quindi mettete l’impasto in una grande ciotola con le pieghe sotto, coprite con pellicola e fate lievitare a temperatura ambiente per 4 ore.
  6. A questo punto potete decidere di proseguire subito con la preparazione dei naan, oppure prediligere la lunga lievitazione: in questo ultimo caso mettete la ciotola in frigorifero per 1 o due giorni e, successivamente proseguite come indicato di seguito.
  7. Riprendete l’impasto lievitato e dividetelo in 4 parti di circa 100 g di peso ciascuna. Formate con ognuna una pallina, disponetele su una teglia e mettetele a lievitare in luogo caldo e umido (nel forno spento con la luce accesa) per 1 ora, 1 ora e mezza.
  8. Prendete ora una pallina alla volta e stendetela con i polpastrelli come fosse una focaccina sottile.
  9. Fate scaldare molto bene una piastra o una padella antiaderente, ungetela con un pochino di olio (pennellandolo con un pennello di silicone in modo non sia eccessivamente unta) e mettetevi a cuocere il pane naan, coperto, per 2 minuti. Togliete il coperchio: vedrete che si saranno formate tante bolle in superficie. Rigirate il pane, schiacciatelo un poco con una spatola e fatelo cuocere dall’altro lato per altri 2 minuti.
  10. Togliete il pane dalla padella e preparate nello stesso modo anche gli altri 3 pani.
  11. Preparate una miscela di olio evo, acqua e sale: 2 cucchiai di olio, 2 cucchiai di acqua e 1 pizzico di sale, mescolate molto bene e spennellatela sui pani caldi.
  12. Gustate preferibilmente caldi!

Note:

  • I naan bred si possono congelare da cotti, quindi io consiglio di prepararli in dose doppia o tripla in modo da averne una buona scorta in freezer che ci permetterà di organizzare senza stress i pasti della settimana.
  • Se volete seguire la tradizione indiana, per ungere la padella e per pennellare i naan cotti dovreste usare burro chiarificato (ghee) arricchito con aglio e prezzemolo tritato.

-Post in collaborazione con Accendi Luce&Gas Coop-

Ti potrebbero piacere anche

11 comments

Claudia 13 Settembre 2019 - 10:00

Lo sai si che la ricetta seppur squisita passa in secondo piano vero?? Ma benvenuta Oliviaaaaaa.. auguri ancora bis mamma.. congratulazioni a tutta la vostra famiglia!!! Ti abbraccio

Reply
LaRicciaInCucina 13 Settembre 2019 - 10:00

Ricordo quando lessi il tuo post e, seguendoti anche su FB, ricordo anche la mia sorpresa nel leggere con quanto tempismo ti avesse accontentato la tua piccina :-). Tra l’altro: complimenti, guardando Ludovica ed Olivia devo dire che tu e tuo marito avete proprio un bello stampo!!! 😉
Ancora tanti auguri per questo nuovo arrivo.
Questo pane dev’essere squisito ed in effetti me lo vedo benissimo accostato ad affettati e formaggi.
Meraviglioso!
Un abbraccio.
A presto

Reply
cucinaincontroluce 13 Settembre 2019 - 12:15

Elenina bella, che piacere rileggerti! Bentornata 🙂
Mi piace un sacco il tuo pane, spesso mi trovo senza pane improvvisamente e questo è veloce e facile da fare, senza ammattire con il forno e aspettare cotture lunghe, è di una di quelle ricette che puntualmente appunto sull’agenda perché prima o poi torna utile.
Un bacio a te e alle tue picci uno e picci due 🙂

Reply
milesweetdiary 13 Settembre 2019 - 15:05

Ben ritrovata Elena e lo scrivo con emozione. Un altro amore si è aggiunto alla vostra splendida famiglia. Olivia, tenera bellissima e tanto amata, ben arrivata a te!
Confesso sono curiosa di conoscere attraverso i tuoi occhi e la tua delicatezza come si svilupperà l’inserimento di Olivia, il suo rapporto con Ludo; se sarà curiosa e aperta anche lei alla cucina.
Buona vita insieme. Alla prossima, quando riuscirai….
Ti abbraccio stretta!

Reply
canelakitchen 13 Settembre 2019 - 18:11

what lovely picture of Olivia, a tesoro!!
and I love this new recipe ! Ti abbraccio cara!

Reply
Simona Milani 13 Settembre 2019 - 21:15

Bentornata cara, la piccola Olivia è un amore…e che dire di questo pane?! Me lo segno, per provarlo quanto prima! Un abbraccio

Reply
zia Consu 13 Settembre 2019 - 23:35

Bentornata Ele, dolcissima creatura! Goditi questi momenti, io ormai ho messo da parte tutto per star dietro al mio cucciolo ma non me ne pento ^_^
Golosissimi questi panini, da provare ^_^
Buon we e un abbraccio fortissimo a tutta la famiglia

Reply
Antro Alchimista 16 Settembre 2019 - 14:34

Dolcissima principessa, quanta tenerezza a leggerti e a rimanere incantata davanti a quella meravigliosa bimba. Un pane da provare, mi intriga lo zafferano e il mix di spezie, chissà che sapore particolare. Un bacio

Reply
Elena 16 Settembre 2019 - 15:32

Elena che dolce cucciola, ma quanto è bella? Che dolce malinconia a vedere i bimbi così piccoli e indifesi… che grande responsabilità abbiamo tutti con queste nuove vite <3
Pane assolutamente da provare, anche se non ho bambini piccoli da gestire ora con i nonni anziani da accudire il tempo è sempre risicato! Perfetti quindi anche per me!

Reply
ipasticciditerry 17 Settembre 2019 - 06:53

Bentornata amore della zia! ♥ Olivia è stupenda ma del resto siete belli tu e Ale e non poteva essere altrimenti. Sono contenta, sento la tua felicità tra una parola e l’altra e questo mi basta. Il pane? Buono, lo conosco e mi capita di prepararlo. Così speziato mi intriga e lo proverò. Tanti baci a te, dolce mammina e una carezza alle tue bellissime bimbe.

Reply
RicetteVegolose 3 Ottobre 2019 - 11:52

Mi piace molto questo pane ma ahimè non l’ho mai preparato… rimedierò molto presto con la tua ricetta! E approfitto per lasciare anche qui il mio benvenuto alla piccola Olivia <3

Reply

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Penso che per te sia OK! Se vuoi sapere come trattio i tuoi dati e la mia politica sui cookies vai al tasto "leggi di più..." Accetto Leggi di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: