Buongiorno bambini,

mi chiamo Sebastiano e sono un pulmino tutto italiano.

Sono bianco, verde e rosso

e suono il clacson a più non posso.

Sono monello e un po’ birichino

e quando esagero la mamma me lo scrive sul finestrino!

Ha ragione, vado sempre di fretta,

ma, io dico: “C’è della gente che mi aspetta”!!

Ogni mattina mi metto al volante

e sfreccio sulle strade stando attento al passante

“Mi scusi signore, vado un po’ di fretta, ma c’è della gente che mi aspetta!”

Ma chi mi aspetta voi lo sapete?

Non ancora ma subito lo scoprirete!

Da oggi sarò il Vostro amico più grande

e insieme vivremo un’avventura entusiasmante!

Allora forza, cosa aspettate?

Salite, salite, non vi preoccupate!

Mamma e papà sono già stati avvisati

e da oggi all’asilo sarete da me accompagnati!!

Non abbiate paura, ora non vado più di fretta

siete voi la gente che mi aspetta!

 Sono arrivato, in orario preciso

pronto a partire con un bel sorriso.

 Allora bambini, siete tutti seduti?

Tenetevi forte:

 Adesso si parteee!!!!!!!!

Ecco Sebastiano, il personaggio guida che quest’anno accompagnerà i miei bimbi del nido alla scoperta dei 5 sensi.

Così, con questa filastrocca, è come ho pensato di presentarlo a loro…e oggi anche a voi!

Essendo un pulmino, Sebastiano percorrerà insieme ai bambini una strada molto, molto speciale lungo la quale, di volta in volta, incontrerà 5 personaggi (uno per ogni senso) che… gliene faranno passare delle belle! 🙂

Questa settimana Sebastiano ha già incontrato il suo primo personaggio e, dunque, il suo primo senso.

Di chi si tratta?

Cap. 1: CON-TATTO

Tutti pronti?

Ai posti di comando signore e signori: si parte!!!

Accensione dei motori in corso…. E viaaaaa!!!

Bbbbbrrrrrruuummmmmmmmmm

Ma non appena partiti….

Schreeechhhhhhhhhhhhhhh

“Aiuto!!! Freniamo!!!!!!!!”

Un grossissimo cartello rosso con una manona bianca era proprio in mezzo alla strada!

“Fiu! Ci è mancato un pelo! Per poco non andavamo addosso a questo cartello supergigante! Siete tutti interi, bambini miei? Sì? Oh! Meno male!”

Sebastiano e i bambini erano ancora tutti sani e salvi per fortuna e un po’ increduli e un po’ curiosi iniziarono a  chiedersi che razza di cartello avevano davanti agli occhi! Anche se, in realtà, prima di tutto si domandavano che cosa diavolo di faceva proprio in mezzo alla strada!

“ Ma tu guarda se si può stare qui fermi nel bel mezzo della strada!” disse Sebastiano un po’ arrabbiato! Eh…si era preso un bello spavento!

“ Hey! Sì dico a proprio a lei Manona, proprio a lei! Ci faccia la cortesia di spostarsi da in mezzo la strada!”

Ma quella niente! Non si mosse di un millimetro!

“Su, su, andiamo di fretta noi! C’è della gente che ci aspetta!!!!”

E un bambino, timidamente disse: “ Ma come Sebastiano, sei proprio un monello!! Avevi detto che non saresti più andato di fretta perché siamo noi la gente che ti aspetta!!… Non è vero?!?!?”

“Heemmm….sì, hai ragione” sussurrò “ Ma almeno così magari questo cartellone si decide a spostarsi!” e fece l’occhiolino!

Ma siccome la manona ferma e glaciale rimaneva immobile, allora i bimbi e Sebastiano, che in realtà erano curiosissimi di capirci qualche cosa di più, iniziarono a guardare un po’ meglio questo cartello stradale…  ci girarono un po’ intorno, piano piano, quasi impauriti…

“ Oh bambini, ma voi lo conoscete questo cartello? C’è un grosso cerchio rosso e dentro una grande mano bianca.

Sembra che dica ALT!

Ecco, ci siamo! Era proprio questa la parola magica: ALT!

Quando Sebastiano la disse, la manona si mosse: lentamente si girò e si abbassò verso i bambini…

Buongiorno Bambini,

mi chiamo Manona e vivo sospesa in una rossa collana.

Sembra più un cerchio,

sì lo so,

ma se guardate bene

non lo è:

sono tante perle, tutte vicine

che mi fanno da contorno come delle coroncine.

Sono bianca, grande e grossa

E di certo non sono tutta pelle e ossa!

Sono nata per TOCCARE,

altro nella vita non so fare!

Sono qui per indicare

Che oltre non potete andare

Se prima non rispondete

a 3 domande segrete.

Allora cosa ne dite, volete giocare?

Io sono pronta a cominciare!

 

  • Domanda n° 1

Se tocco il fuoco cosa scopro?

A: è caldo e scotta   B: è rosso

  • Domanda n° 2

Oltra a toccare io so anche…?

A: ballare   B: contare e indicare

  • Domanda n°3

Se le tagliatelle voglio preparare, con le mani io posso?

A: impastare   B: mangiare

….To Be Continued…

…Per ora, eccoci pronti ad impastare!

Le tagliatelle: il piatto preferito di Sebastiano. Bianche rosse e verdi: proprio come lui!

Ps: vogliamo aprire una disquisizione sul fatto che l’unica risposta che mie bimbi hanno sbagliato è proprio l’ultima??? Mi hanno anche detto: “Ma tu ci dici sempre che non si mangia con le mani!!!” Ecco appunto… Santi Diavoli  😉

TAGLIATELLE DI SEBASTIANO BIANCO ROSSO E VERDE


Ingredienti per 4 persone:

300 gr farina 00, sale, 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva, 15 gr spinaci lessati e ben strizzati frullati, 15 gr barbabietola cotta a vapore frullata, 3 uova.

Preparazione:

Dividete la farina in 3 mucchietti da 100 gr ciascuno e mettetela in 3 grandi ciotole. Aggiungete ad ognuna un pizzico di sale e girate con una forchetta.

Fate poi un buco al centro di ogni mucchietto di farina e rompete in ognuno un uovo.

Aggiungete poi alla prima ciotola un cucchiaio di olio, alla seconda gli spinaci e alla terza la barbabietola.

Mescolate ora ogni impasto prima con la forchetta e poi, quando decidete che è ora di sporcasi le mani 😉 impastate bene con entrambe le mani per ottenere un panetto omogeneo e liscio.

Avvolgete ogni palla in un poco di pellicola trasparente e fate riposare per 30 minuti.

Fate montare a mamma e papà la macchina per la pasta mentre voi infarinate bene il tavolo. Riprendete per primo l’impasto bianco, dividetelo in due e appiattitelo un poco.

Passate poi ogni pezzetto di impasto (ben infarinato mi raccomando!!) nella macchina tira pasta diminuendo, di volta in volta lo spessore del rullo fino al penultimo (anche qui un aiutino dei genitori lo possiamo accettare, che dite?) .  Dividete le sfoglie in due parti più corte e passatele nel rullo per le tagliatelle. Infarinatele bene e formate un nido.

Ripetete la stessa operazione anche per il panetto rosso e per quello verde.

E… il gioco è fatto! Ora le facciamo cuocere a mamma e papà (tanto questo non è divertente ;-D ) e poi ce le magiamo tutti insieme condite con un bel sughino di pomodoro e erbe aromatiche, semplice semplice: perchè le cose semplici sono sempre le migliori!

32 comments

unapiccolamela 30 Gennaio 2013 - 16:25

Sarà che coi bimbi io ho a che fare tutti i giorni e che il tuo pullmino si chiama come figlio n.2…ma mi sa che ho già un debole per lui!
Che belle queste tagliatelle!

Reply
conunpocodizucchero 31 Gennaio 2013 - 13:45

allora dovrai seguire per forza le prossime puntate! 😉
Grazie per il tuo commento! un abbraccio anche al tuo sebastiano

Reply
susy bello 30 Gennaio 2013 - 17:23

Che bello mi sembra di tornare quando le mie figlie andavano all’asilo e tornavano a casa cantando: ” dov’è il pollice, dov’è il pollice, sono qua,sono qua….” . Che bei ricordi!
Certo che se tu gli hai sempre detto che non si mangia con le mani, hanno ragione, come dare torto a dei piccoli pestiferi!!!!
Bellissima la tua storia!
Un salutone Susy

Reply
conunpocodizucchero 31 Gennaio 2013 - 13:44

ah ah ah!!! grazie Susy, che bel commento! 🙂

Reply
cucinaincontroluce 30 Gennaio 2013 - 17:37

Che carine le filastrocche…. e la pasta mi piace un sacco, con poco rende tantissimo!!!! Brava!
Un bacio, Tatiana

Reply
conunpocodizucchero 31 Gennaio 2013 - 13:44

grazie Tatiana! un abbraccio

Reply
Valentina 30 Gennaio 2013 - 19:05

Aahahahah 😀 No ma che belloooooo <3 Sei bravissima, fortunati i tuoi bimbi, sei rara sai? Traspare la passione e l'amore che hai per il tuo lavoro e questa è una cosa bellissima, davvero… ti faccio i miei complimenti di cuore, anche per queste buonissime tagliatelle! 😀 Quando ero piccola volevo sempre che mamma mi cucinasse quelle paglia e fieno ma se avessi visto queste qui… ecco… mi sa che me le preparo al più presto, anche se sono cresciutella! 😀 😉 Un abbraccio forte! :*

Reply
conunpocodizucchero 31 Gennaio 2013 - 13:43

Grazie Vale, sei carinissima!!! Amo il mio lavoro e i miei bambini, mi danno delle grossissime soddisfazioni. Solo a volte si fatica a credere nelle loro potenzialità perchè aono piccoli. Ma davvero hanno il mondo dentro di loro..basta solo volerlo scoprire!

Reply
Valentina 30 Gennaio 2013 - 19:18

Uffa, avevo scritto un commento lunghissimo e Wordpress ha deciso di cancellare tutto O_O sigh… vabbè… dicevo che i tuoi bimbi sono fortunati! 😀 Mi sono divertita tanto nel leggere questo post, sei proprio brava e traspare tutto l’amore per il tuo lavoro, complimenti di vero cuore! 🙂 Quando ero piccola amavo le tagliatelle paglia e fieno, le chiedevo sempre alla mia mamma… certo, se avessi visto queste, così belle e colorate, sarei impazzita! 😀 Mi sa che me le preparo al più presto ehehehe! 😉 Ancora complimenti e un abbraccio :**

Reply
Federica Gif 30 Gennaio 2013 - 19:44

B R A V A A A A !!!!!!! 😀 non ho altro da dire 😉 un bacione!

Federica 🙂

Reply
conunpocodizucchero 31 Gennaio 2013 - 13:41

G R A Z I E !!!!

Reply
Giulia 30 Gennaio 2013 - 22:28

che personaggio simpatico questo Sebastian! e che brava maestra sei Elena, i tuoi bimbi sono fortunati!
Vogliamo parlate di queste tagliatelle? sono bellissime, che bei colori!

Reply
conunpocodizucchero 31 Gennaio 2013 - 13:41

Grazie! Se non mi facessero disperare così come fanno però sarei una maestra più felice! 😉

Reply
accantoalcamino 31 Gennaio 2013 - 06:21

Buongiorno Elena, non posso che inchinarmi davanti a questa filastrocca, Sebastiano, Manona e le tagliatelle. Ritorno bambina e mi iscivo al tuo asilo, mi vuoi?

Reply
conunpocodizucchero 31 Gennaio 2013 - 13:40

Sì tesoro! Ti voglio eccome!!!!!

Reply
Home, gnam & click 1 Febbraio 2013 - 11:31

Che bellissima filastrocca! E che maestra speciale sei Elena!! Davvero complimenti! E le tagliatelle: spettacolari! 🙂 Come “unapiccolamela” qui sopra, anche il mio secondo bimbo si chiama Sebastiano. Oggi pomeriggio gli leggero la filastrocca… 😉 🙂
Bacioni,
Laura

Reply
conunpocodizucchero 1 Febbraio 2013 - 16:58

Grazie!!! Mi fai arrossire!!! Ma allora è diffusissimo questo nome!! Devo dirlo al nostro Pulmino! 😉

Reply
Paola 1 Febbraio 2013 - 15:46

Complimenti per la filastrocca e per la ricetta…mi sarebbe piaciuto avere un’insegnante come te…posso tornare indietro???
Un abbraccio!!

Reply
conunpocodizucchero 1 Febbraio 2013 - 16:59

Quando vuoi! Io ti accoglierei a braccia aperte! Grazie mille, mi fa molto piacere leggere queste tue parole!

Reply
Oriana 6 Febbraio 2013 - 08:34

Complimenti… Hai vinto il contest!!! 🙂

Reply
conunpocodizucchero 6 Febbraio 2013 - 14:53

Non ci credo!!!!! Che bello!!!!! Sono supefelice!!!!! Grazie!!!!!!!!!!!!!!!

Reply
Anonimo 6 Febbraio 2013 - 15:40

COMPLIMENTI ELENA!!!! Vittoria ultra-meritata!! 🙂 🙂

Reply
conunpocodizucchero 6 Febbraio 2013 - 16:06

grazie grazie grazie!!!! anzi: super grazie!!

Reply
maria chiara martin 6 Febbraio 2013 - 18:28

Complimenti Elena… la ricetta è molto bella e simpatica ma anche la storia di Sebastiano il pulmino: potevi partecipare anche al contest della storia… anzi, meno male che non l’hai fatto così quello l’ho vinto io!!! ah ah ah
Da oggi ti seguirò con piacere
Mary Claire

Reply
conunpocodizucchero 6 Febbraio 2013 - 20:59

no no, il tuo fiocco di neve è talmente dolce che il pulmino Sebastiano può solo cedergli il passo!
Sono felice che ti sia piaciuta! Grazie molte per il commento! 🙂 A prestissimo!

Reply
BlogPeloso 8 Febbraio 2013 - 14:51

che meraviglia! dovrebbero leggerla tutti i bambini… ed andare al tuo asilo 🙂 miaooo

Reply
conunpocodizucchero 8 Febbraio 2013 - 17:35

eh magari… pensa che abbiamo invece carenza di iscrizioni… mannaggia! grazie comunque! 😉

Reply
BlogPeloso 8 Febbraio 2013 - 20:02

mannaggia è un vero peccato 🙁

Reply
cristiana 8 Febbraio 2013 - 21:57

….la storia e la ricetta, con le manine in pasta, me la rivendo ai miei mostriciattoli…notte cri

Reply
conunpocodizucchero 9 Febbraio 2013 - 15:12

😀 ok!!! Mostriciattoli fortunati con mamma d’oro però;-)

Reply
Sebastiano e il semaforo innamorato… | Food Blogger Mania 15 Marzo 2013 - 00:00

[…] da una ricetta, o ancora meglio, volesse sentirsi bambino insieme al suo bambino, può cliccare QUI e scoprire di chi stiamo parlando. Chi invece già lo conosce, forse non sa che ora ha un volto […]

Reply
Olfatto: Sale Aromatico per il nostro nuovo amico TonNaso! | Food Blogger Mania 10 Aprile 2013 - 08:30

[…] se ti sei perso i primi due capitoli corri a leggerli!! Clicca Qui e […]

Reply

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Penso che per te sia OK! Se vuoi sapere come trattio i tuoi dati e la mia politica sui cookies vai al tasto "leggi di più..." Accetto Leggi di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: