Cestini croccanti di zucca

by Elena Levati

Mamma: ” Ele, mi dai la ricetta per favore che li rifaccio per capodanno questi cestini?”

Questa richiesta da parte della mia mamma (che per me è una sublime cuoca nonchè, risaputamente, grande e severa critica in materia) mi ha talmente reso felice e fiera di questa mia creazione natalizia che, di fatto, è la prima cosa che vi racconterò del mio Natale…

Se la zucca è di ottima qualità, questo cestino croccante di pasta phyllo diviene davvero superlativo!

Lo speck, con la sua naturale sapidità, smorza la dolcezza della zucca esaltandola ancora di più; le cipolle rosolate con la salvia le donano quel gradevolissimo sapore di sottofondo che permane anche dopo l’assaggio; la fonduta di taleggio altro non può che completare questo splendido quadro di gusto!

Ce lo siamo fatti per Natale…beh ce lo rifacciamo anche per capodanno! 😉

CESTINI DI PASTA PHYLLO CON CREMA DI ZUCCA, SPECK E FONDUTA DI TALEGGIO


Livello: medio Tempo: 90 minuti Dosi: 12 cestini


Ingredienti:

  • 9 fogli di pasta phyllo,
  • 1,5 kg zucca delica (peso con buccia ma senza semi),
  • 1 cipolla bionda grande,
  • qualche foglia di salvia e un rametto di rosmarino,
  • 100 gr speck in  una sola fetta + 6 fette,
  • 350 gr taleggio,
  • mezzo bicchiere di latte fresco + 6 cucchiai,
  • sale, pepe, noce moscata, chiodi di garofano in polvere,
  • olio extra vergine di oliva.

Preparazione:

  1. Tagliate la zucca a fette spesse, disponetele su una placca rivestita di carta forno, salate e pepate, coprite con un secondo foglio di carta forno e fate cuocere in forno già caldo a 200° per 25-30 minuti.
  2. Affettate sottile la cipolla e fatela dorare in un paio di cucchiai di olio con il rosmarino e la salvia tritata finissima. Salate e aggiungetevi la zucca ormai cotta, senza buccia, tagliata a pezzettoni. Fate insaporire per 5 minuti, lasciate il rosmarino nella padella, trasferite il resto nel boccale del frullatore e frullate a crema con 6 cucchiai di latte.
  3. Fate saltare per un paio di minuti lo speck tagliato a piccolissimi cubetti nella padella con il rosmarino, spegnete e aggiungete anch’esso alla crema di zucca. Regolate di sale, pepe, noce moscata e aggiungete un pizzico di chiodi di garofano in polvere. Tenete in caldo.
  4. Preparate i cestini: sovrapponete 3 fogli di pasta phyllo oliando bene ogni strato, divideteli in 4 quadrati, metteteli in stampini di alluminio di 8 cm di diametro dando la forma del cestino e fateli cuocere per 5 minuti a 200°. Devono dorarsi. Ripetete l’operazione con i rimanenti 6 fogli di phyllo. Tenete da parte.
  5. Preparate la fonduta di taleggio mettendo il formaggio tagliato a tocchettoni in un pentolino a bagnomaria con il latte. Lasciatelo sciogliere, senza mai toccarlo o girarlo per una decina di minuti circa. Solo alla fine girate delicatamente con un cucchiaio per rendere la fonduta omogenea.
  6. Nel frattempo, dividete le fette di speck in due e fatele diventare croccanti infornandole per 3-4 minuti sempre a 200°.
  7. Riempite i cestini di pasta phyllo con la crema di zucca tiepida, completate con un paio di cucchiai di fonduta e un pezzetto di peck croccante. Servite!!!

Consiglio:

  • I cestini di pasta phyllo possono essere preparati in anticipo, ma per rimanere croccanti devono essere conservati fuori dal frigorifero (io li tengo in forno spento) e riempiti solo all’ultimo momento.
  • La crema di zucca può invece essere preparata in anticipo e conservata in frigorifero. Andrà solo riscaldata!
  • Nel caso in cui la fonduta si “slegasse” potete rimediare passandola con il frullatore ad immersione (ma se seguite bene le istruzioni che vi ho dato, non cedendo alla tentazione di girare il formaggio, vedrete che verrà perfetta anche se, al primo sguardo non vi sembrerà legata!)

14 comments

Home, gnam & click 27 Dicembre 2012 - 12:12

Che ricetta deliziosa Elena!! La proverò sicuramente al più presto! 🙂

Reply
accantoalcamino 27 Dicembre 2012 - 14:38

Zucca forever, pensa che proprio ora mi sto cimentando con una zuppa di zucca 😉 il mio pacco è arrivato a Parma…se mi mandi il codice del tuo controllo…

Reply
accantoalcamino 28 Dicembre 2012 - 17:27

Arrivato…e tutto già mangiato, col te delle 5.
Ello ringrazia, io sono commossa, quei mini baci di dama erano tenerissimi, ora vado ad impossessarmi della/delle ricetta/e.
Grazie ancora, sei un tesoro ♥

Reply
Carmela 28 Dicembre 2012 - 17:40

Raffinata, abbinamenti fantastici, veramente eccezionale ^^ Ancora complimenti!

Reply
conunpocodizucchero 29 Dicembre 2012 - 09:12

@Laura: grazie! se la proi poi fammi sapere se ti è piaciuta!
@Libera: oh che bello!!!!!! sono felicissima!!!!
@Carmela: grazie cara! 😉

Reply
Home, gnam & click 29 Dicembre 2012 - 21:10

..sono certa sarà squisita, seguirò alla lettera le tue indicazioni, anche se so già non verranno così belli..! 😉 Ho qui un piccolo pensiero per te http://elleaur.wordpress.com/2012/12/29/premio-un-pezzetto-di-cielo/

Reply
Giulia 30 Dicembre 2012 - 01:42

sei una fonte inesauribile di idee geniali, non smettere mai di provare sapori e combinazioni diversi! questi cestini sono davvero sfiziosi!

Reply
conunpocodizucchero 1 Gennaio 2013 - 09:33

@giulia: mi fai arrossire!!! 🙂 Grazie cara e buon inizio d’anno!
@laura: grazie pe ril pensiero, sei carinissima!

Reply
Menù di Natale 2014: le mie proposte | ConUnPocoDiZucchero.it 19 Dicembre 2014 - 09:30

[…] CESTINI DI PHYLLO CON CREMA DI ZUCCA, FONDUTA E SPECK CROCCANTE […]

Reply
Sarah 21 Dicembre 2015 - 21:51

provati ma… aiuto! la pasta fillo è un disastro, nelle mi mani diventa carta bruciata!
non riesco proprio a modellarla e farla asciugare in modo decente, quando provo a estrarre il cestino dallo stampino si sbriciola.. 🙁
suggerimenti?

Reply
Elena Levati 22 Dicembre 2015 - 07:09

Ciao Sarah! Innanzitutto grazie per aver provato questa mia ricetta! 🙂
Dunque, la pasta phyllo è effettivamente molto molto delicata quindi ci vuole attenzione: non scoraggiarti!
La prima cosa che mi seno di dirti è di usarla appena appena aperta la confezione altrimenti ti secca subito a priori e si va a compromettere la tenuta dei cestini: non lasciarla quindi mai all’aria, ma tienila sempre coperta da un panno da cucina umido.
In secondo luogo ti consiglio di oliare (o imburrarre con burro fuso) molto bene non solo i fogli prima di sovrapportli e tagliarli in quadrati, ma anche lo stampino di alluminio. Puoi provare ad usarlo capovolto: una volta che lo hai oliato molto bene nella parte esterna, disponlo a testa in giù su una teglia da forno e coprilo con il quadrato composto dai 3 fogli di pasta phyllo. Con le mani oliate, premi un poco la pasta intorno allo stampino in modo ne assuma la forma. Inforna a 200°C per 5 minuti e prova ad estrarre lo stampino di alluminio subito, mentre il cestino è ancora caldo in modo da ridurre ancora di più le possibilità di rottura.
Io ti consiglio di provare a seguire qst piccole accortezze e vedere come va: se non ti vengono bene, scrivimi pure ancora e insieme cercheremo di capire cosa non ha funzionato! 😉
Buon lavoro! Fammi sapere!
Elena

Reply
Sarah 23 Dicembre 2015 - 17:31

Ciao Elena, grazie per i tuoi consigli prezioni: li ho rifatti e sono usciti perfetti! 🙂 grazie. la zucca è pronta… e ora provo la fonduta, prima di far casini il giorno di Natale.
Ti ringrazio per l’aiuto!

Reply
Elena Levati 27 Dicembre 2015 - 08:08

Cara Sarah, ne sono felicissima! Spero che il tuo menù natalizio sia andato al meglio!! 😉 auguri per delle serene feste!

Reply
Menù di Natale 29 Novembre 2017 - 19:37

[…] CESTINI DI PHYLLO CON CREMA DI ZUCCA, FONDUTA E SPECK CROCCANTE […]

Reply

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Penso che per te sia OK! Se vuoi sapere come trattio i tuoi dati e la mia politica sui cookies vai al tasto "leggi di più..." Accetto Leggi di più...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: